logoaag.gif (15892 byte)

indietro home avanti

APPUNTI DI DIZIONE
La é chiusa

        La "e" fonica chiusa italiana (é) deriva spesso dalla "e" lunga e dalla "i" breve del latino classico.

Esempi:
cera --> céra
semen --> séme
vitrum --> vétro
capillus --> capéllo

        La lettera "e" ha suono chiuso nei seguenti casi:
  1. Nei monosillabi atoni
    Esempi: é (congiunzione), mé, né, té, sé, ré (monarca), vé, pér
    Eccezioni: ("e" aperta)
    il vocabolo (nota musicale)
  2. Nei suffissi di avverbi in "-mente"
    Esempi: sinceraménte, inutilménte, praticaménte, segretaménte, popolarménte, frugalménte, correttaménte
  3. Nelle terminazioni in "-mento" e "-menta"
    Esempi: sentiménto, proponiménto, moménto, ménta, struménto, torménto, godiménto, struggiménto, falliménto
    Eccezioni ("e" aperta):
    le voci del verbo mentire: io mènto, tu mènti, egli mènte, che tu mènta, ecc.
  4. Nei vocaboli tronchi in "-ché"
    Esempi: perché, giacché, anziché, poiché, fuorché, sicché, macché
  5. Nelle terminazioni in "-eccio", "-eccia"
    Esempi: fréccia, féccia, tréccia, libéccio, villeréccio, intréccio, cicaléccio
  6. Nei sostantivi con terminazione in "-efice"
    Esempi: oréfice, carnéfice, artéfice, pontéfice
  7. Nei suffissi di sostantivi e verbi in "-eggio", "-eggia", "-egge", "-eggi"
    Esempi: campéggio, manéggio, postéggio, pontéggio, alpéggio, cartéggio, légge (sostantivo), puléggia
    Eccezioni ("e" aperta):
    I vocaboli: èggia, sèggio, pèggio
    le forme del verbo lèggere: tu lèggi, egli lègge
  8. Nei suffissi di aggettivi in "-esco"
    Esempi: pazzésco, burlésco, guerrésco, goliardésco, principésco, farsésco, manésco
  9. Nelle terminazioni in "-ese", "-esa", "-eso", "-esi"
    Esempi: arnése, frésa, sospéso, paése, francése, imprésa, péso, illéso
    Eccezioni ("e" aperta):
    nei vocaboli nei quali la "e" fonica forma dittongo con la "i" (Es.: chièsa)
    nei vocaboli blèso, obèso, tèsi(sostantivo), catechèsi, esegèsi
  10. Nei suffissi di sostantivi in "-esimo"
    Esempi: battésimo, umanésimo, cristianésimo, paganésimo
    Eccezioni ("e" aperta):
    nel vocabolo infinitèsimo
    i numerali ordinali (Es.: centèsimo, millèsimo, ecc...)
  11. Nei suffissi di sostantivi femminili in "-essa"
    Esempi: dottoréssa, principéssa, contéssa, elefantéssa, badéssa
  12. Nei suffissi di sostantivi collettivi in "-eto", "-eta"
    Esempi: fruttéto, meléto, pinéta, agruméto, roséto
  13. Nei suffissi di sostantivi e aggettivi diminutivi e collettivi in "-etto", "-etta"
    Esempi: librétto, casétta, chiesétta, pezzétto, navétta, terzétto, quintétto, palchétto, porchétta, forchétta, carrétta, collétto
  14. Nelle terminazioni in "-eguo", "-egua"
    Esempi: séguo, adéguo, trégua, diléguo, ecc.
  15. Nei suffissi di aggettivi che al singolare terminano in "-evole"
    Esempi: lodévole, incantévole, ammirévole, caritatévole, deplorévole, cedévole, arrendévole
  16. Nei suffissi di sostantivi in "-ezza"
    Esempi: bellézza, debolézza, chiarézza, salvézza, dolcézza, mitézza, arrendevolézza, segretézza
    Eccezioni ("e" aperta):
    nel vocabolo mèzza
  17. Nelle preposizioni articolate
    Esempi: dél, délla, déllo, dégli, délle, déi, nél, néllo, nélla, négli, nélle, néi, péi
  18. Nei pronomi personali
    Esempi: égli, élla, ésso, éssa, éssi, ésse
  19. Negli aggettivi dimostrativi
    Esempi: quésto, quésta, quéste, quésti, quéllo, quélla, quégli, quélli, quélle, codésto, codésta, codésti, codéste
  20. Nelle desinenze del Passato Remoto in "-ei", "-esti", "-e", "-emmo", "-este", "-ettero"
    Esempi: credéi, credéste, credéttero, poté, potémmo, dicémmo, volésti
  21. Nelle desinenze del Futuro in "-remo, "-rete"
    Esempi: vedrémo, diréte, cadréte, volerémo, fileréte, caricherémo, toccheréte, calcolerémo
  22. Nelle desinenze dell'Infinito della seconda coniugazione
    Esempi: cadére, avére, volére, bére, sedére, potére, godére
  23. Nelle desinenze del Congiuntivo Imperfetto in "-essi", "-esse", "-essimo", "-este", "-essero"
    Esempi: dovéssi, volésse, prendéssimo, cadéste, godéssero
  24. Nelle desinenze del Condizionale Presente in "-resti", "-remmo", "-reste"
    Esempi: farémmo, vedréste, cadrésti, potrésti, vorrémmo
  25. Nelle desinenze del Indicativo Presente e dell'Imperativo in "-ete"
    Esempi: prendéte, cadéte, rompéte, voléte, potéte, dovéte
  26. Nelle desinenze dell'Indicativo Imperfetto in "-evo", "-eva", "-evano"
    Esempi: dicévo, facévano, mettévo, volévano, potévo, dovévano

indietro home avanti